La legge finanziaria, in votazione alla Camera dei deputati, dovrebbe contenere l’emendamento richiesto, dopo che la Presidenza del Consiglio dei Ministri aveva annunciato di avere allo studio, d’intesa con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, la possibilità di pervenire al riconoscimento del medesimo trattamento vitalizio previsto dalla legge per i parenti delle vittime del terrorismo anche ai parenti delle vittime della mafia e del dovere, così come pressantemente richiesto dalle associazioni e dalla Commissione antimafia.


 


Tale equiparazione dei benefici previsti per le vittime del dovere e della criminalità organizzata e loro familiari a quelli previsti per le vittime del terrorismo, avviata con il riconoscimento, del decreto collegato alla Finanziaria 2008, di uno stanziamento iniziale di 170 milioni di euro relativi alla cosiddetta “speciale elargizione”.


 


Lo Stato ha provveduto finora con leggi successive, ma non può non esserci omogeneità nei trattamenti che ne conseguono.


 


Dott.ssa Cesira Cruciani

Potrebbero interessarti anche questi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *